Pagine

29 mag 2013

E' finita così.





E poi non c'è più né piacere né dolore, ma solo buio che cede alla luce.
Henry Miller
"Tropico del capricorno"

"Non so che dire, tranne che mi dispiace tanto che a causa mia tu stia così male, non voglio che tu soffra, ma non posso nemmeno tornare da te. Non è quello che voglio. Devi cercare di andare avanti anche se io non sarò al tuo fianco, perchè lo puoi fare..so che lo puoi fare. Avevi detto che saresti potuta diventare più forte, dimostramelo ora..sii forte! Vai avanti! Non ti rinchiudere in te stessa. Vivere nel passato non porta da nessuna parte e non ti fa cogliere le cose che la vita avrà da darti. Comunque sia, penso che sia meglio non sentirci più, perchè a quanto pare non tagliare del tutto i contatti non ti fa bene. Così facendo in qualche modo, ti senti sempre legata a me, e ciò porta ad illuderti. Detto questo, ti saluto, e ti auguro le cose migliori di questo mondo. Lo meriti."


E' finita così. In realtà non mi ha risposto oggi: l'ha fatto il giorno dopo aver ricevuto il mio lungo messaggio. Solo che ho voluto far passare un pò di tempo, perchè sono rimasta così colpita, che non sapevo come trovare le parole per raccontare. Che forse, a dirla tutta, a nessuno interessa di come si sia evoluta la vicenda: una classica delusione d'amore, una normalissima storia finita male. Ma a me serve scrivere. Quindi è finita. Con un augurio per un futuro migliore e con un semplice "ti saluto". Insomma, bella pé te, come si dice a Roma. E' finita. Così. Uno degli adii più tristi della mia storia. Ha avuto l'ultima parola, perchè nonostante la mia risposta (che potete immaginare quale sia stata), non mi ha riscritto. Ha messo in pratica la sua decisione di tagliare del tutto i rapporti. Sarà che non sono mai stata lasciata e quindi non sono abituata a queste cose. Sarà che ancora non avevo bene in mente su come ci si sente davvero per un'assenza che si fa sentire così imponentemente, e che quindi dovevo assaporare tutte le sfaccettature del dolore, come se non fosse stato abbastanza quello provato sino ad ora. Sarà che la forza di cui ha parlato, io potevo averla solo con lui, e che quindi ora mi sento così impotente e non riesco a raccogliere i pezzi. I miei. Quelli che lui ha rotto. Che poi riconosco che tagliare di netto il cordone ombelicale, potrebbe farmi stare bene, che forse è una mossa saggia. Deve esserci pur un modo per lasciarlo andare, no? Ma, mi chiedo, come si fa?  Dai miei pensieri? Dai miei occhi? Dalla mia testa? Dalle mie mani? Dal mio corpo? Da tutto quello che lui ha toccato? Ora non può far altro che far scaturire l'effetto contrario. Avere la certezza, la conferma che allora è davvero tutto finito. Per davvero e mica per finta. E cazzo, se fa male. E' svanito tutto. Stavolta sul serio. Tanti cari saluti e ciao. Tanti cari saluti e stammi bene, insomma. Stavolta davvero, mi ci dovrò abituare alla sua assenza, a quella della sua voce, a quella dei suoi occhi dalle iridi scure, a quella delle sue mani, a quella del suo corpo, a quella del suo magnifico sorriso. Sul serio. Perchè se prima potevo aggrapparmi almeno ad un suo "ciao" inviatomi tramite messaggio, ora non ho neanche quello. Caput. Dovrei prendere un bel respiro e ricominciare da zero, riabituarmi all'idea che sono di nuovo sola. Solo che appena provo a prendere aria, i polmoni è come se si rifiutassero di inglobarla. E così tossisco, e sono capace di inalare solo l'aria di sempre: marcia. Marcia di una vita che non va mai bene. Almeno non a me. Marcia come la mia esistenza: sempre piena di dubbi, di ansie, di paure, di sconfitte. Marcia, ecco tutto. 

Dovrei dimostrarmi qualcosa. La forza, per esempio. Quella di cui si è tanto parlato. Quella che lui aveva pensato di trovare in me. E' un qualcosa che mi manca, a dirla tutta. Su tutti i fronti (cibo, tanto per dirne una). Forse dovrei andare sotto casa sua (a sua insaputa) e portargli il pigiama che sto indossando in queste notte insonni, e piene di biscotti sul comodino. Così gli dimostrerei che non mi serve più il suo profumo, anche se ora è svanito. Ora il suo pigiama sa di me. Che sono abbastanza forte da rinunciare all'ultimo brandello di lui. Che sono abbastanza forte da dimostrargli che posso vivere senza. Che sono abbastanza forte da poterlo affrontare: vederlo in volto, e senza "se" e senza "ma", dargli in mano qualcosa che è suo e io non posso continuare a tenere custodito nel mio armadio. Sì. Dovrei farlo. Però poi, penso che mi mancherebbe persino il suo pigiama. Penso che me ne pentirei. Che lo rimpiangerei addirittura. Povera illusa che sono. Stolta. Sciocca. Stupida. Inetta. Incapace. 

Da qui in poi si può solo andare, canta il mitico Luciano Ligabue in "M'abituerò". Cazzo Liga, con tutto rispetto: non è mica così facile. E lo so che dovrà passare del tempo, che ora non vedo nulla se non il baratro contro il quale mi sono scontrata. Si dice che il tempo cancelli le ferite. Si dice che con il tempo persino le ferite più profonde riescano ad attenuarsi, fino a scomparire. Un taglio, poi una cicatrice, sempre più piccola, sottile. Poi scompare, e la pelle torna liscia e bianca. Intonsa, come un foglio vergine. Privo di peccato, come se nulla l'avesse sfiorato. Come se tutto, sotto la superficie, non stesse marcendo. Come se al buio, lo schifo non tornasse fuori assalendomi fra i singhiozzi. Si dice che il tempo cancelli le ferite. Si dice. Mai pensiero fu più disperatamente illusorio. Perchè quando mi afferra con rabbia, rossa in viso, gli occhi strabuzzati, tutto torna a galla. La rabbia mi assale, e fuori controllo cresce. Ed esplode. Raccolgo le macerie dopo la bufera: ricordi belli come un dispiacere, ricordi che fanno male come una lama, ricordi taglienti come la sua decisione. 


Un saluto esplosivo, da Val.

2 commenti:

  1. Butta fuori tutto in una notte, tutto il marcio che ti popola, piangilo, gridalo, sbraitalo, abbatilo, odialo, graffialo e poi svuotati e torna a vivere e a combattere più forte di prima..io sono con te. ♥

    RispondiElimina
  2. Leggere come ti senti mi fa apprezzare di più ciò che ho. Grazie.


    Victoria

    RispondiElimina