Pagine

16 mar 2013

Insoddisfazione mode on.


Io sono destinato ad avere l'anima perpetuamente in tempesta.
Ugo Foscolo


L'immagine parla chiaro. Se fosse per me, posterei il tutto con questa sola figura e basta. Però, non so perchè, ho bisogno di scrivere. Qualcosa. Qualsiasi cosa che mi ricordi che non sono altro che un corpo grasso che cammina. Vorrei urlare, strepitare, scalciare e rompere gli specchi della mia depressa anima. E dire al Mondo che non voglio essere così, che mi odio, che mi faccio schifo, che ogni volta vedermi allo specchio è un'insoddisfazione tale da farmi così male che spesso mi ritrovo a piangere. Come quasi una bambina di cinque anni a cui è stato tolta la bambola preferita. Sono così insoddisfatta. Così triste dentro. E vorrei tanto non esserlo: per me, ma soprattutto per G. Perchè so che se sbuffa è perchè io gli dico che sono grassa. Perchè so che se mi stringe forte e mi chiede di abbracciarlo è perchè io sono triste e mi sento in colpa per aver mangiato. E lui non può fare nulla se non guardarmi mentre mi addito aggettivi così prepotenti: grassa, ingombrante, cicciona, scansafatiche, stupida, pigra, ignorante. Vorrei che lui fosse la mia cura, la mia guarigione. Ma l'amore può guarire da ogni male? Può essere l'antidoto a tutto ciò? Se così fosse, forse sarei già in procinto di dire addio a tutto questo mio Mondo che ho costruito con tanto affanno, in tutti questi anni. Forse dovrei solo tonificare il mio corpo, andando in palestra. Ma non so perchè, preferisco prendere la strada più tortuosa. Che sembra essere una scorciatoia, ma nel bel mezzo del percorso, quasi ad ogni angolo, ho sempre incontrato dei problemi. Anche oggi, ogni giorno, c'è sempre qualcosa che non va. C'è sempre uno sgarro, un biscotto di troppo, del cibo di troppo. Niente controllo. Niente ordine. Niente raziocinio. Solo cibo. Ed intanto lievito. Lievito come un croissant al burro francese. Ed il grasso straripa da ogni angolo del mio corpo. Dio mio che schifo.

Mi spalmo creme su creme. Per pancia e fianchi. Per la cellulite. Per rassodare. Per tonificare. Per idratare. Per nutrire. Ma quasi nessun risultato. O forse qualcosina l'ho notata. Solo che se poi mi mangio questo mondo e quell'altro, diciamo che non è così producente, no?

E vorrei annullarmi. Essere un'ameba ambulante. O meglio, non essere nessuno. Dire che non vorrei mai essere nata è troppo eccessivo, ma diciamo che la sensazione si avvicina ad un annullamento totale del mio essere. Suona un pò più filosofica come cosa, no?

Eppure le cose con G. vanno bene, per carità. Anzi il 20 Marzo faremo due mesi. E la cosa mi fa sorridere. Solo che c'è sempre il rovesciamento della medaglia: il voler apparire più magra e filiforme. Lui dice che mi preferisce così, e spesso mi fa promettere cose che non posso mantenere: smetterla di farmi tutto questo. Smetterla di digiunare. E' così premuroso che mi dice che andremo a correre insieme, che è questo il vero metodo per dimagrire: alimentazione sana ed attività fisica. Sì, lo so che lo dicono tutti: è come aver scoperto l'acqua calda. Però, non so. Detto da lui suona diverso, perchè è lui che si impegna insieme a me, è lui che mi sta accanto, che mi vuole bene, che dice di preferirmi così. E' un pò come se volesse essere la mia cura. Solo che non so se io sia pronta a guarire. Perchè il digiuno è l'unica forza che ho. Anche se non riesco, ma è l'unica certezza che posso cogliere in questo Mondo in cui non posso proprio stare, che mi va troppo stretto, che mi fa soffocare e che mi ricorda ogni giorno di quanto io non sia perfetta.


Un saluto lievitato, da Val.








5 commenti:

  1. Nel mio caso è capitato che l'amore mi ha 'guarita' anche quando non volevo farlo. Lo metto tra virgolette perchè con la fine di quest'amore mi sono resa conto che in realtà mi aveva solo portata a reprimere la mia ossessione, a far finta che non ci fosse, a fingere.. Per poi trovarmi sei mesi dopo con dieci kili in più,la bulimia completamente sparita, e la motivazione di chi riparte da zero..

    Pensa bene a cosa desideri.. L'annullamento di se, che ho vissuto sulla mia pelle, porta all'incapacità di provare sentimenti, principalmente l'amore..

    Ti stringo forte
    Lilies

    RispondiElimina
  2. Vorrei veramente dirtelo che l'amore può guarire ogni male di questo mondo, ma tu stessa sai che non ne sono certa, che per prima dico, che non è realmente così.
    Per quanto sia bello l'amore (ben diverso da come me l'ero immaginata), non ci guarisce da ciò che ci tormenta, non allieva ogni dolore, no per niente.
    Mi è capitato di guarire tempo fa, per un ragazzo.. per il mio primo amore...
    Questa guarigione è durata giusto il tempo della nostra relazione, la quale alla fine mi ha portata solo a ricominciare da zero e a farmi peggiorare.
    Con lui ero guarita, lo ammetto. Da 46 kili a 49 kili, cibi dolci a ogni ora del giorno e della notte, sia quando c'era o non c'era lui. Ma non avevo dimenticato ciò che fossi, non avevo dimenticato i problemi alimentari.. semplicemente li avevo messi da parte, perchè l'amore che avevo non mi riempiva abbastanza, non riuscivo a sopportare quella situazione..
    Pensa a G, al ragazzo (lo reputo, meraviglioso, pur non conoscendolo), che ti sta affianco e che cerca di farti capire, che sei perfetta così.
    Io te lo ripeterò all'infinito, ma non sono nessuno per dirtelo.


    Ti stringo forte, Efs.

    RispondiElimina
  3. Mi ero persa un pò di cose ma ho recuperato stasera. Sono contenta, so che è difficile accorgersene, ma questo amore ti sta cambiando, anche se non ti sembra per adesso, anche se vivere ti sembri ancora faticoso. Ti sta accadendo qualcosa di molto bello, quindi, vivilo a pieno, e quando ti accorgi che non lo stai facendo, fai un tentativo per cercare di volerti bene e di lasciartene volere.
    E' dura vivere, quello non cambia, ma dicono che la durezza della vita sia più morbida se si hanno due braccia pronte ad accoglierti.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Amore mio,
    non c'è crema
    e non c'è uomo
    che ti curi,
    ahimè
    solo tu.

    RispondiElimina
  5. dici che il digiuno è l'unica forza che hai..
    posso capire..

    come per me ora lo è mangiare..
    e soprattutto trascorrere le giornate tutte alla stessa maniera..
    senza un briciolo di cambiamento..
    perchè per me stare male è abitudine
    perchè per me stare male è certezza
    perchè per me stare male..mi rassicura..


    se vuoi passa da me

    RispondiElimina