Pagine

12 set 2011

Mirror, mirror.

Durante la notte, mi viene a far visita, l'insoddisfazione. Sono quelle sere buie in cui come d'incanto mi rendo conto di quello che sono: troppo ingombrante, riempita in ogni angolo del mio corpo da grasso, flaccidume. Ogni dannata notte incasso questa crudele sensazione, e di conseguenza tutto si trasforma in pianto, singhiozzi soffocati, mani che fanno il check-up su tutto il mio corpo, cercando di capire dove posso rimediare, come..ma soprattutto perchè, nonostante i chili persi (e che ora non posso più perdere) sia ancora così grassa. E mi sento così uno schifo. Mai soddisfatta. Mai contenta. Mai magra, ecco tutto. Mi viene detto che forse è costituzione, ma io non ci voglio credere. Mi viene detto che in realtà io non abbia un corpo da anoressica. E questo che vuol dire? Che non sono magra abbastanza. Perchè io, la persona anoressica, la ritengo estremamente magra, sottile, filiforme. Ed io, evidentemente non appaio così agli occhi degli altri. E ciò significa che non sono magra. Che sono grassa. L'impossibilità di perdere peso mi mette tristezza e rabbia: se solo potessi. Ogni tanto, mi sussurro nella notte che in un futuro, avrò maniera e modo di farlo. Poi un'altra voce mi dice "Così andrai verso la morte".
E allora mi fermo. Smetto di pensare. E così inizia un altro doloroso giorno. La smetterò mai?

"Mirror, mirror, on the wall,
Can't you show me tall and slim?
Mirror, mirror, on the wall,
Must I look so bloody grim?"





Zara.

3 commenti:

  1. quanto vorrei dirti che prima o poi tutto finirà... ma dicono che non è così... dicono che quando cominci a non sentirti più a tuo agio con il tuo corpo non fai altro che scendere di più... ma io sono sicura che prima o poi tutte noi arriveremo a guardarci allo specchio e diremo "meglio di così non potevo FARE!!!" si perchè noi stiamo agendo... non siamo morte che aspettano di dimagrire.. lo desideriamo così tanto che spendiamo tutte le nostre energie... e i genitori insegnano che SE CI METTI L'IMPEGNO LE SODDISFAZIONI ARRIVANO!!! basta crederci! non voglio sentirti così piccolina... non voglio proprio... riposati... dormi... ascolta la musica e perditi in un altro mondo per una volta... in un mondo in cui ci sei solo tu... in un mondo in cui non hai uno specchio... in cui ti senti a tuo agio... fallo solo per pochi minuti al giorno...

    RispondiElimina
  2. è l'insoddisfazione della propria anima della voragine che la circonda che poi porta a confrontarsi col corpo che fa come da'specchio'ed è tangibile attaccabile disprezzabile..
    ma per quante lacrime si possano versare per quanto dolore si riesca a cacciare quella frustrazione rimane lì e ti si appiccica come melma fangosa..
    puoi prendere a calci il mondo quando vorresti distruggere in quel momento solo te.
    per non sentire quella mancanza.e l'impotenza di non poter colmarla.
    e rimangono questi pensieri in contrasto tra loro..e passa un altro giorno..per ricominciarne un altro..
    e ti divora..ti attanaglia..
    ti senti così vero?
    è quello che vivo io..
    se vuoi passa per il mio blog mi farebbe piacere

    RispondiElimina