Pagine

16 mar 2011

I'm guessing at numbers and figures.


My first tattoo.
 A me il dolore aiuta a buttare giù le parole. Ecco perchè allora sto battendo sui pulsanti neri della mia tastiera.

Vorrei poter digiunare perché è come se suonassi il mio violino. Un bravo musicista sa che suona da Dio, ma non si fermerà mai dov'è riuscito ad arrivare. Cercherà di andare avanti ed avanti, di migliorare sempre di più, di affinare la precisione con cui dà vita alle sue note, di renderle sempre più vive, sempre più fini. Ecco, io digiunavo per questo. Per lo stesso identico motivo. So di essere arrivata ormai a un punto che, all'inizio, neanche avrei immaginato, ma ora che ci sono dentro, voglio andare avanti. Avanti e avanti, migliorare sempre di più. Mi nascondo dentro una caverna mentre fuori piove, ma quando spunta il sole non ne esco più. Non so neanche io, il perché. Fa freddo, in quell'antro buio, ma contro le leggi della natura le pareti di roccia mi riscaldano. Sono umide, ma mi ci appoggio e mi addormento. Voglio sentire ancora quel vuoto che si prova. Voglio sentire le ossa fragili come un tempo, pronte a sgretolarsi ad ogni minimo accenno di insicurezza. E poi forti, fortissime, quando mi butto con tutta la concentrazione e la forza che mi rimane, nello sport o nello studio. Mi sento sospirare frasi che mi fanno male. Sono drogata di perfezione.


Zara.


6 commenti:

  1. Ciao piccola.
    Il tuo tatuaggio significa "sette" vero? Studio il cinese, è una lingua stupenda. A me piacerebbe tatuarmi la parola "amore".
    Non so più cosa si prova a digiunare. Ma lo ricordo bene quando il digiuno era il solo modo che avevo per pensare e ragionare per bene. Ora che mangio o no non fa differenza. Quando dall anoressia si passa alla bulimia le opzioni di gioco cambiano fin troppo.
    Anche io amo la perfezione.
    Un abbraccio.

    Laura

    RispondiElimina
  2. Ti capisco Tesoro, tutto questo è come una droga!!
    <3

    RispondiElimina
  3. Siamo drogate di perfezione, insieme.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. ..che droga costosa e pretenziosa. Però sembra che per varcare i propri limiti, ne valga la pena.

    RispondiElimina
  5. Magnifico il paragone con il violinista...e mi piace molto il tuo tatuaggio! ^-^ *Ti abbraccio forte*

    RispondiElimina
  6. *qui ci starebbero i Verdena*

    RispondiElimina