Pagine

09 dic 2010

Guarda come si sta quando niente non va.

La sveglia suona, e un’altra giornata sta per iniziare. So già che in cucina la colazione è pronta, e come al solito dovrò mangiarla: d'altronde me la preparo tutte le sere, prima di andare a dormire. E mia sorella mi guarderà con lo stesso sguardo afflitto di ogni mattina da ormai un anno a oggi. So anche che nessuno mi capirà. Nessuno riesce a leggere la mia anima: non mi capiscono né i miei genitori, né mia sorella, né la gran parte dei miei amici.

Ma possibile che nessuno riesce a vedere che io voglio dimagrire? Nessuno riesce a capire che prima ero una balena? Eppure un triste pensiero si insinua nella mia mente: ogni tanto cerco di convincermi che il mondo intorno a me ha ragione, che starei bene anche solo con qualche chiletto in più, ma il mio corpo li rifiuta. Rifiuta il grasso di quel cibo unto che sono costretta a mangiare, rifiuta l’idea di poter tornare obesa come prima, e ogni boccone che ingurgito è un senso di colpa incolmabile, imputabile solo a me stessa, alla voglia di sentirmi bene e in pace con il mio corpo. E allora perché non vado bene nemmeno così? Non so, non mi sembra di avere alcun tipo di problema, nemmeno mi pare di poter creare preoccupazioni alle altre persone, eppure sento la tristezza intorno a me, un senso di compatimento comune per il mio stato mentale che mi fa sentire ancora più nervosa ed ho tantissimo timore che il mio stomaco si allarghi sempre di più.

Un’altra cosa mi chiedo: cosa credono di fare tutti quei programmi televisivi e quegli articoli che parlano di quanto fa bene mangiare rivolgendosi per lo più alle persone che loro definiscono brutalmente anoressiche? Lo so benissimo che il cibo è buono, lo so che fa bene, non sono mica deficiente. Solo che fa bene a piccole dosi. Giusto il minimo assaggio. Persino i gastronomi lo dicono: degustare è giusto, abbuffarsi è sbagliato. E allora io cosa faccio di così abominevole? Non credo lo capirò mai.

Forse però un giorno comprenderò questo triste mondo che mi circonda, guarendo da una malattia che non percepisco nemmeno come tale. Allora tornerò a vedere la gente che sorride intorno a me e mi sentirò bene, bene come un tempo, bene come quand’ero bambina e nessuno notava il mio corpo.

Pur essendo stata messa alle strette, obbligata a mangiare, la mia forza è rimasta la stessa: i miei più cari segreti sono la costanza e la perseveranza nel continuare a seguire questo mio desiderio.  Vegeto in un limbo sospeso dove tutto viene rimandato a data da destinare. Che non ha alcuna voglia di sentire. Che vuole solo dormire adagiata su una vita senza scosse, senza strappi, senza imprevisti.

Io, che vivo di emozioni e sentimenti che fanno vibrare le corde della mia anima fino al punto di sentirmi esplodere dentro, ho imparato a muovermi intorno a loro senza far rumore.

In silenzio.

A volte lo lascio cadere un attimo il pensiero di essere viva, conoscere una gioia anonima, e concepirne una più pazza consola un dolore così enorme che se tutto il giorno dilaniasse senza un istante di sollievo parrebbe ancora troppo lontana la morte. Il delirio inganna il disgraziato per cui il patibolo sorride. Il dondolio dell’amaca culla le teste vicinissime al Paradiso. Una scogliera che esce comoda dal mare consuma l’orizzonte fragile e il marinaio non s’accorge del colpo, finchè è già oltre il dolore.
(EMILY DICKINSON)


Zara.<- -I'm angry, fat and ugly.

4 commenti:

  1. io ti capisco. si forte piccola zara, e vedrai che riuscirai a dimagrire anche se avrai li la colazione pronta.
    devi capirla la tua famiglia. loro ti amano troppo per farti distruggere da sola.
    almeno loro ti considerano, i miei non dicono nulla ,-,
    sii forte <3
    alaska.

    RispondiElimina
  2. Sento una grande forza in te, più prorompente che mai...vorrei che tutti potessero sentirla...

    RispondiElimina
  3. Quoto Alaska. Devi essere forte, tutto è possibile, anche quando mille ostacoli ce lo impediscono.
    Forza piccola Zarina (:

    RispondiElimina
  4. Che post strabello :)
    E anche il commento che mi hai lasciato. Grazie mille piccina, sei un tesoro, capisci al volo e cerchi di aiutare :) Voglio poter fare lo stesso. In fondo, se non ci aiutiamo tra noi, chi altri può farlo? Per qualsiasi cosa, fatti sentire, ok? Sai dove trovarmi <3

    ps. non vedo l'ora di leggere il tuo capitolo, scrivi sempre strabene!! Continua cosi :)

    RispondiElimina