Pagine

11 ott 2010

Ennesima delusione: bocciata.

Bocciata all'esame della patente. Di nuovo. Per 5 fottutissimi errori. La cosa che mi fa rodere ancora di più è che la scheda era così facile, che persino un bimbo di 3 anni in stato vegetativo sarebbe stato capace di passare. Io invece no. Io sono quella che non riesce a fare niente. Sono quella che non riesce a passare nemmeno un dannato test. Che delusione. Che rabbia. Che rodimento. Mi sento sempre più una nullità: per i miei genitori, per mia sorella, per i miei amici, per me stessa. Se non sono riuscita a superare una scheda del genere, figuriamoci se riuscirò mai a prendere la patente. Sto proprio giù. Non ho voglia di fare niente. Dannatissima è stata la domanda sui limiti massimi di velocità nelle strade extra-urbane secondarie (che sono certa di aver sbagliato): se avessi risposto giusto, ora non sarei qui a piangere sul latte versato.

Oggi, quindi, andrò a segnarmi all'auto-scuola. Spero almeno di riuscire a superare il TERZO esame di teoria. Lo spero, perchè non voglio più mettermi a studiare per la patente: ho tanti impegni scolastici e anche sportivi, non voglio avere così tanto peso sulle spalle. Non voglio deludere più nessuno.

Per quanto riguarda l'argomento cibo: sabato sera sono riuscita a digiunare, mentre per quanto riguarda ieri, alla famosa festa dei 18 anni, ho mangiato solo un'insalata ed ho evitato il dolce. Su per giù, ieri sono stata sulle 460 kcal (a causa di un integratore che aveva 181 kcal, e del pranzo, in cui ho ho dovuto mangiare un mctoast e l'insalata). Poco ma sicuro avrò perso solo liquidi, anche perchè il pranzo lo faccio sempre da nonna (primo, secondo, contorno e frutta). Spero però di aver perso almeno qualche etto (dannazione alla bilancia nascosta).

Non ho più la forza di scrivere. Non ho più la forza di vivere. Non ho più la forza di respirare questa aria così amara. Non ho più voglia di niente. A parte, dimagrire.




Hai un nome a cui rispondi, il nome con cui ti chiamano gli uomini. Ma qual è il nome del tuo mistero, il nome a cui rispondono i tuoi ricordi, le tue paure, la tua ispirazione? Credi che ci sia una parola che può descrivere tutto questo? Non c'è: se ci fosse, sarebbe il nome del tuo buio.. Quanti libri nascosti nel silenzio di chi vive immobile, muto, cieco. Avresti mai detto che dietro una brutta copertina, in una testa così mal costruita ci fosse l'ordine e il disordine di una storia? Non ci accorgiamo mai che c'è una pagina nel libro che non riusciamo a capire, la più bianca, la più inutile, che è invece quella per cui tutto è stato scritto. Perché non riusciamo a vederla?




Zara.

5 commenti:

  1. L'apatia convolge ogni ambito apparte quel fottuto desiderio che ti corrode la vita giorno per giorno, come ti capisco.
    Altra cosa che ho provato? Il senso di fallimento, quando sono stata bocciata a scuola..effettivamente si sta da cani, ma è solo il tempo che rimanrgina le ferite. E come hai detto tu "inutile piangere sul latte versato" perchè non serve proprio a nulla, sii forte.
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Perchè è bianca, perchè è scontata e le cose scontate ci sfuggono, perché sono proprio quelle cose che non vediamo mai le più importanti e ce ne accorgiamo tardi, ma non è mai troppo...
    Per il resto, è sfiga, ho deciso che è così, cazzo..u.u
    Vedrai che riuscirai a passarlo, perchè se hai studiato è PER FORZA così, ti serve solo la calma necessaria e quella buona dose di CULO:)
    Io non ne ho quindi non posso prestartela, però potremmo fare un rito vodoo..xD

    Comunque, grazie del commento, stavo per piangere ti giuro, non so esprimere bene quello che provo (perchè sono strana) però sono immensamente felice di leggere ogni volta un tuo commento, mi si apre un sorriso gigantesco e gli occhi lucidi.
    Anche io voglio crederci, o meglio iniziare a provare a crederci e non aver paura di stringere forte la tua mano quando starò sola e porgerti la mia quando ne avrai bisogno.
    però accetta la mia come io proverò ad accettare la tua.
    Je t'aime ma cherie:)

    RispondiElimina
  3. condivido quello che ha detto empty...
    inutile lamentarsi... ricomincia... prendi il libro studia... FAI MILIONI E MILIONI DI TEST... è quello il trucco... farne davvero tanti... una 50ina al giorno...
    dedicati a quello per ora..
    l'hanno passato tutti e ce la farai anche tu...
    solo se però ti riprendi in fretta e cominci a riportare la testa alta e concentrata su quel libro!

    RispondiElimina
  4. "Non ho più la forza di scrivere. Non ho più la forza di vivere. Non ho più la forza di respirare questa aria così amara. Non ho più voglia di niente. A parte, dimagrire."
    Ti capisco perfettamente.. davvero perfettamente.
    Vorrei essere lì per abbracciartie farti vedere che qualcuno c'è, che per quanto vale io ci sono..
    Un abbraccio fortissimo, Laura.

    RispondiElimina
  5. Mimanchi,Mimanchi,Mimanchi,Mimanchi,Mimanchi.
    Spero che il concetto sia chiaro ora.
    u.u

    RispondiElimina