Pagine

07 set 2010

E vorrei che lui mi notasse.

Momento drammatico e sdolcinato. Oggi, parliamo di Leonardo. 
Avendo passato 3 giorni interi in sua compagnia, ora non riesco più a levarmelo dalla testa. Vorrei potergli dire che mi piace, che vorrei essere qualcosa di più..ma so già la risposta: 
-Non vorrebbe mettersi con me, prima di tutto perchè sono una sua amica.
-Avendo già vissuto con sua madre bulimica, non vorrebbe avere una ragazza con disturbi alimentari.


Ovviamente questo mi fa sentire ancora più giù. 


Vorrei cambiare. Cambiare nel modo di pormi, di reagire. Non essere più permalosa, più che altro. Mi arrabbio facilmente ed ho paura che questo possa peggiorare la mia "immagine". Vorrei essere più femminile: non dire troppe parolacce, non parlare troppo "romanaccio". Vorrei essere una di quelle ragazze dolci, ma forti e decise. Mi viene in mente un episodio a Bologna, dove io feci presente che avrei desiderato essere più calma e non troppo impulsiva (perchè avevo risposto in maniera un pò brusca e troppo precipitosa). Sicché Leonardo ha fatto una faccia come per dire "Eh beh..". Lì mi sono sentita male dentro. Oltre ad avere un corpo che non mi piace in ogni sua forma, sono costretta ad avere anche un caratteraccio del genere. Insomma, mi dicono che sono fortunata eh?


C'è qualcosa dentro di me che è sbagliato e non ha limiti. Però io vorrei provare a essere una persona migliore. Non parlo ora del fisico..ma del carattere. All'inizio pensavo di poter essere una ragazza normalissima, dal punto di vista caratteriale. Invece ora mi sono accorta che non lo sono affatto. Sono permalosa, ansiosa, angosciante, noiosa e brusca nei modi di fare. E non è quello che voglio essere. E questo l'ho capito solo ora: dopo 3 giorni passati a stretto contatto con Leonardo. Lui sorride sempre, ride e scherza. Io invece cammino dietro di lui, in silenzio, ad aspettare che sia proprio lui a parlarmi perchè io non ne ho il coraggio. Non ho sorriso. Non ho scherzato come avrei voluto. Se non fossi stata con lui e la mia Best a Bologna, non si sarebbe notata neanche la mia assenza. 
Tears from eyes worn cold and sad. Pick me up now, I need you so bad.
Peso di stamane: 51.6 kg <- - Sempre più schifo. 



Vorrei essere talmente leggera da cadere se un amico mi dà una spinta scherzando. Vorrei essere talmente leggera che un soffio di vento mi possa spostare. Vorrei essere talmente leggera da non sentire più questo peso dentro.

L'infinita sofferenza non ha bisogno di etichette esterne. Esiste e basta e non è meno dolorosa per questo. Anzi, lo è di più perchè non si vede. Saremo sempre i nostri sorrisi finti e la rabbia ingoiata. E siamo e saremo l'odio verso i nostri corpi e verso noi stessi. E siamo quelli che si prendono sempre cura degli altri ma facciamo del male a noi. Siamo la paura di ferire chi amiamo..Siamo i silenzi che non vengono ascoltati. E siamo la forza di portarci dentro i nostri segreti, la forza di legarci a qualcosa, a qualcosa che non esiste pur di placare quel vuoto. Siamo noi quelli che si lasciano prendere dall'ossessione, l'ossessione inesistente di qualcosa che ci fa sentire vivi, qualcosa che ci trascina via, l'unica cosa con cui riusciamo a creare una leggera sintonia. E pur sapendo che è solo un riflesso, ci scagliamo contro di esso, lo odiamo dal profondo, ci ribelliamo e ci costruiamo una gabbia in cui siamo sempre noi a metterci tutto quello che abbiamo subito, l'affetto mancato, il senso di inadeguatezza, i silenzi ignorati. Siamo l'inferno che ci portiamo dentro, siamo il sogno che non diremo per non essere giudicati, siamo e saremo sempre lo specchio che non guarderemo per non riconoscerci. E la gente? Quella da' per scontata la tua stabilità. Ignora che la testa gira, o che la tua gola sia irritata da bile e dalle escoriazioni provocate dalle unghie delle dita, o lo stomaco che impazzisce, o che odi ogni loro discorso, o magari vedi un corpo altrui e vorresti averlo tra le mani, contemplarlo, sperando che qualcuno possa fare lo stesso con te. Ignora il tuo passato e presente. La gente non sa ma è sempre la prima disposta a giudicare. Per loro puoi essere tutto quello che loro vogliano che tu sia. Ignoreranno sempre che per te stessa sarai solo una contraddizione continua di anoressia e digiuni. Ed io ho avuto paura all'inizio ma era anche una paura che mi piaceva. Sai, quella paura che non ti allontana dal tuo desiderio, ma al contrario ti fa stare bene, nonostante ti distrugga lentamente. Giorno dopo giorno cresceva dentro di me, mi invadeva il ventre, le viscere e l'ho fatta mia. Poi arrivi ad un punto in cui la ritrovi nell'anima, nel corpo e ti arrendo a lei. LEI..mia macchia sporca, mia distrazione, mia ostinazione, mia pace armata. La fai tua, come se il suo veleno non fosse mortale, come se non sapessi dove andare.


Ormai sono entrata nel giro. Nel baratro più profondo dell'Universo.




Sto inseguendo un amore che non c'è: e non ci sarà mai. E' impossibile tutto ciò. Siamo diversi in tutto ed io, non riesco nemmeno ad immaginare me parlare con lui. Non riesco ad immaginarci nemmeno amici. Sto inseguendo un amore a vuoto, un amore che non esisterà mai, un amore piccolo eppure così tanto grande. E' un amore debole, un amore che ha bisogno di lui, un amore che non sarà mai corrisposto. Un amore che non verrà mai capito da nessuno. Eppure sento di doverlo amare, amare così tanto da impazzire. Sento il bisogno di amarlo così intensamente, ho intenzione di non smettere mai. Perchè in fondo, se smetto, dopo chi mi farà battere il cuore?


Zara.



5 commenti:

  1. Non demoralizzarti, piangersi addosso non aiuterà nessuno (come dico sempre), lo sai bene che l'unica che può far cambiare le cose sei tu stessa. Io ho attacchi di irascibilità e rispondo in modo aggressivo a tutti quelli che mi parlano, mi sono accorta di essere insopportabile sia per il mio ragazzo, che per gli altri che per me stessa..per questo ho preso posizione e ho deciso di andare in clinica. Che la mia irascibilità sia patologica è un altra storia ma questo era l'esempio per farti capire che l'unica che può fare qualcosa sei tu. Se ti arrabbi facilmente conta fino a 10 prima di rispondere, respira e prendi ciò che ti sembrano offese come stupide parole di scherzo..
    Impegno tesoro.
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Ciao Zara, grazie mille del commento e delle spiegazioni specifiche sull'amenorrea. Ci volevano proprio, non c'è cosa migliore che parlarne con chi vive con queste cose. Forse hai ragione tu, magari sono dei segnali, il ciclo in effetti mi sfasa già da molti mesi, probabilmente ci sono già i sintomi di un'amenorrea, che dici?

    Ho letto bene il tuo post e spesso mi capita di sentirmi come te. Il mio ragazzo dice che sono perennemente "con il broncio" (sempre arrabbiata) e probabilmente ha ragione. E più ci penso più peggioro. Forse la cosa migliore sarebbe lasciarsi andare e tentare di soffocare questi atteggiamenti. Anche se magari rischieresti di non essere più te stessa, e questo non deve mai accadere, MAI.

    Beh, per il resto, complimenti per il concerto *__* quanto avrei voluto esserci! Io sarei voluta andare anche a quello dei MUSE :Q___

    Grazie ancora, un bacio.
    Ali

    RispondiElimina
  3. Ei, piacere io sono Nessi (:
    Non ho potuto fare a meno di annotare certe frasi che hai postato, sono maledettamente piene di verità. E ti capisco, siamo tutte nella stessa barca. Comunque, ricorda che non è mai tardi per ricominciare, per cambiere le cose, se stessi, e rimediare ai propri errori.
    Un abbraccio.
    Nessi.

    http://www.lovelyobsession48.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Wow che bel post...Pensi proprio tanto eh? :)
    Beh siamo in due! Hihihi..son passata per ringraziarti del commentino che mi hai lasciato sul blog. Lo so che rimettere fa male, ma a volte è più forte di me. L'idea del pensierino prima dell'abbuffata non è male e in effetti qualche volta funziona :)
    Ah cmq io sono convinta che tu non abbia un brutto carattere, sei solo un po schiva, forse proprio perchè non ti piaci e hai paura di non piacere nemmeno agli altri.
    Neanche io mi piaccio, ma dò l'idea di piacermi anche se dentro non è cosi..faccio la simpatica, rido e scherzo anche sul mio peso come se non mi importasse. E' cosi che devi fare...buttati, prova a chiudere in un cassetto quella parte di te che non ti lascia ridere e vedi come va :D Ok?
    Un bacione <3

    RispondiElimina
  5. Zara sei meravigliosaa!
    Ogni volta mi commenti e mi fa piacere da morire, perchè mi dai dei consigli giusti.
    Poi il tuo blog è per me, un pò un punto di riferimento.

    Anche io vorrei essere come vorresti essere tu, dolce, carina ma forte, che se la cava da sola.
    Anche io, dato che siamo tutte a due di compaesane, parlo romanaccio e sono abbastanza greve.

    Mi sto impegnando un sacco in questo periodo a essere più "femminile". Ci sto riuscendo abbastanza.

    AAA CERCASI RICETTA DELLA FELICITA'.
    siamo sulla stessa triste barcaa!

    Tanti baci Zara! :)

    Ma che ti devo dire? Alla fine uno si adatta alla città dove vive.

    RispondiElimina