Pagine

16 lug 2010

Demolirmi.

Appena tornata dal famoso pranzo con i nonni. Ormai sono già un paio di settimane che io e mia sorella andiamo lì per pranzo.

Appena tornata da pranzo pieno di sensi di colpa. Sono debole e delusa. Sono stupida e idiota.
- Pasta al forno con verdure
- Fagiolini + 5 bastoncini di pesce
- 8 albicocche
- Una fetta di melone
- Una fetta di cocomero
- Pane, pane e pane.

Diamine, devo contenermi. Ho bisogno di autocontrollo. Strapperei tutta la pancia, il grasso. Se solo ne fossi capace, vomiterei tutto. Se solo fossi più forte. Se solo fossi abile nell'evitare tutto questo cibo e tutti questi carboidrati che mi volano intorno. Non sono adatta a nulla. Non servo a nessuno. Cazzo, cazzo, cazzo e ancora cazzo. Non è giornata. Non è mai giornata, per l'esattezza. Sono solo un'anima vagante in questo mondo: non so quale sia il mio posto.

E' strano fare un affare di Stato solo perchè mi lamento del fatto che abbia mangiato TANTO. Potevo evitare il pane. Potevo evitare il cocomero. E forse, potevo evitare anche il melone. Diamine, mi sale il sangue al cervello quando penso quello che avrei potuto non mangiare. Allora, perchè l'ho fatto? Di certo non sono masochista: i sensi di colpa li eviterei volentieri. Confused, confused and confused.

Sarà patetico..ma ora mi dico che domani è un altro giorno. Posso migliorare. Almeno non devo spizzicare. Sono già un pò di giorni che mangio qualcosina fuori pasto. E questo non va bene. Non si deve fare. Non per una che si trova nelle mie condizioni. Non merito di essere chiamata anoressica: è palese che non lo sia.

Ce la posso fare. Sì. Cazzo..mi sento così inutile nello stesso tempo. Voglio demolirmi per poi ricostruirmi come voglio io. Voglio poter scegliere come essere. Voglio poter essere un'altra ragazza: bella, assolutamente magra. Voglio cancellarmi per poi ri-scrivermi.

Non so con chi parlarne. Ogni volta che provo a dire anche solo a mia sorella "Ho mangiato come un bue" lei sbuffa e non dice niente. Ed io divento sempre più triste. Mi sento più inutile. Insignificante. Come sempre..

Ora continuerò a piangermi addosso, pensando sempre più forte al pranzo di oggi. I fatti non cambieranno. Lo so. Ma non mi rimane altro che piangere e pensare "Posso migliorarmi. Devo avere auto-controllo. Non devo spizzicare. Non devo. No more".



Zara.

5 commenti:

  1. è incredibile come mi ritrovi completamente in alcune delle tue parole..

    sempre questo logorarsi,avrei potuto fare così,avrei DOVUTO fare colà..
    non fa bene a nulla,perchè ci facciamo il sangue cattivo e comunque questo non riporterà indietro l'orologio. ma continuiamo a farlo. e vabbè..

    quando ti prende così,scrivi,parlane con noi..magari tua sorella non capirà,ma qui hai una rete di persone che ti seguono e che ti sono vicine e che senza dubbio possono capirti.

    poi comunque pensa che cocomero e melone sono frutti stra-pieni di acqua,non hanno cambiato proprio niente a quanto hai mangiato. fanno solo volume nello stomaco. non so quanto pane hai mangiato,ma capisco che comunque è troppo per te (perchè più di quanto vorremmo,ovvero zero). però anche per questo non prendertela troppo,non sarà del pane in più mangiato a pranzo a farti ingrassare. poi sei sottopeso,ricorda. devi tenere i 52 almeno per un pò se poi vuoi continuare a ricostruirti. è un sacrificio per te,ne sono sicura,ma non ci sono alternative al momento.


    e poi,per riscriverti,per creare un'altra te,non c'è bisogno prima di distruggerti in questo modo..
    però ti capisco,tanto..

    un bacio

    RispondiElimina
  2. E' così che devi fare, rialzarti e ripeterti che domani andrà meglio perchè sei forte e ce la puoi fare. Lo so anch'io che sei forte e sono sicura che farai meglio (:
    Ti abbraccio forte, ti sono vicina.

    RispondiElimina
  3. hai davvero davvero ragione.
    non è questione di fare la moralista,tranquilla. e sono sicura che nelle tue parole non ci sono giudizi.
    faccio anche io la stessa cosa, non lo facciamo perchè siamo moraliste o ipocrite.
    non sapendo/volendo aiutare noi stesse,cerchiamo di aiutare le altre..
    credo che andrà sempre così,contraddizioni viventi! :)

    RispondiElimina
  4. Sì, è come la favola del lunedì.
    "Lunedì ricomincio, da lunedì sarò brava, da lunedì smetto di mangiare"
    Che triste storia, in qualunque caso non ha mai un lieto fine.

    Per quanto riguarda ciò che tu mi ha scritto. .la cosa che mi crea molto malessere e il non capire perchè voi ragazze mi vedete così bella (in questo caso non fisicamente ma come persona). Non comprendo perchè voi vediate in me forza, determinazione e tanto altro quando siete lontane chissà quanto e molte di voi nemmeno mi hanno mai vista, mentre la gente che ho accanto ogni giorno è cieca completamente.
    Questo mi da molto da pensare

    RispondiElimina
  5. Anche io mi ritrovo nelle tue parole.
    All'inizio del mio blog infatti c'è scritto " La mia storia non è altro che un susseguirsi di sensi di colpa ".
    Credo proprio che ti ci riveda anche tu.
    E' così triste, sapere che in parte dipende tutto da te, perchè proprio nel tuo caso, è tutto condizionato da chi ti sta intorno. Anche un pò nel mio, ma non ancora così tanto. Ormai sto imparando a fingere, ma basterà qualche kilo, e sarà ancora più evidente.
    Ma non mi importa delle conseguenze, quelle ci saranno sempre. O meglio, non saranno quelle a fermarmi.
    Anche io sempre rimandato al domani, pensando di poter essere più forte, di poter avere un maggiore autocontrollo.
    E mi sono solamente illusa. AUTOILLUSA.
    Ma non saranno i fallimenti a fermarmi, fallirò solamente non appena smetterò di provare.
    E se non ci riesco adesso, significa che non lo desidero veramente. Ma non è affatto così, ed io lo so benissimo.
    Dobbiamo essere forti.

    http://www.gioeana48.blogspot.com/

    RispondiElimina