Pagine

12 mag 2010

Resistendo.

Per me, l'"anoressia" è come una compagna di viaggio. Viaggia nel mio presente, nel mio passato e, nel mio immaginario, anche nel futuro.


Descriverla è complesso, difficile, perchè sembra di vivere come in una gabbia, imprigionata; però è una gabbia dorata.


Vivo di ossessioni, di rituali, di schemi. La sua grande forza, il suo splendore tanto da rendere questa gabbia dorata, è la sua capacità di rendermi (e farmi sentire) forte, nonostante tutti dicano che sto scomparendo, riesce a farmi sentire parte di qualcosa: mi sento parte di un Mondo che nel tempo mi sto costruendo. Un Mondo retto da schemi, rituali, organizzazioni, ossessioni nei confronti del cibo. Sento di appartenere, di essere solo quando sono nel Mio Mondo, in altro modo sono il Nulla, sento solo un grande vuoto. Ed in questo Mio Mondo, io mi sento protetta. Ne ho bisogno perchè è come se non fossi più capace di vivere serenamente, semplicemente. Infatti spesso, mi domando "Cosa sarà, la normalità per gli altri?".


Me la prendo con il corpo, che non mi rappresenta. Essere sempre un'altra rispetto alla mia forma, sempre altrove. Non mi riconosco nello sguardo degli altri, e non riesco a mettere a fuoco il mio, sbatto contro i limiti fisici, come un calabrone imprigionato in casa, che si ostina a scagliarsi contro il vetro, sempre più sconfitto e intontito dai colpi. C'è un nucleo irriducibile di dolore, molto in fondo alle nostre storie, che non si può curare con l'impegno, con la serietà e la voglia di guarire. Tutte cose importanti, per carità, anzi, necessarie. Ma sono soltanto il primo gradino.


Ormai, Ana è come una dèa per me. Senza di lei, non avrei più una musa a cui ispirarmi. Vivrei senza ossigeno, senza controllo: ed io invece, voglio ottenerlo a tutti i costi, perchè so per certo che, se mi lasciassi andare, tornerei ad essere qualle adolescente innocente di 13 anni che veniva presa in giro davanti a tutti i compagni della sua classe.Per chi ignora l'appetito, il primo morso della fame è al contempo una sofferenza e un'illuminazione.


Sono una ragazza con la schiena curva e mi mantengo in vita solo perchè ignoro l'esistenza di altre vite. 


La mia assenza di interesse sconfina nel nulla; non c'è niente che mi comunichi qualcosa, niente che mi svegli, e, fragile fuscello sballottato a piacimento da onde misteriose, ignoro persino il desiderio di farla finita.


Desidero solo una cosa: che mi lascino in pace, che da me non esigano troppo e che, per qualche attimo al giorno, possa godere della Mia libertà assoluta: Non Nutrirmi.





















Zara.



Capita che senta salire l'ira funesta, la voglia prepotente di ingoiare tutto, lasciandomi trasportare dal desiderio furioso di possedere e inglobare ogni sapore, senza lasciarne sfuggire nessuno, senza limiti, veti né rinunce: a briglia sciolta.


[Ma io, continuo a resistere.]

5 commenti:

  1. Una sola cosa: sei fantastica.
    E ti ammiro, perchè tu resisti. Riesci a non perdere il controllo, ed è una grande cosa.
    Nelle foto sei sempre bellissima e che bella maglietta *ò* ihih.
    Ti voglio beneH mia Imogen (: non so come farei senza di te u.u
    Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  2. ciao! wow, è davvero intenso quello che hai scritto... mi ha colpito molto...
    tu sai quello che vuoi. io invece non lo so nemmeno più.. da un lato vorrei essere rapita da ana... per sempre, e sentirmi forte. dall'altro la respingo perchè quelcosa dentro di me mi dice che non mi porterà a nulla ... anzi, starò sempre peggio...
    sono confusa -.-'''

    RispondiElimina
  3. ciao, che l'alcool abbia tante calorie quello lo sapevo già. Ecco perché non bevo da molto tempo. E' che non so che mi stia capitando, ricordo che quando bevevo riuscivo a dimenticare tutto...ad essere serena per qualche ora. Riuscivo a dimenticare ciò che sono. Ora sono sola, vuota...e vorrei provare per una volta sola quella sensazione che provavo una volta. Ho bisogno di sorridere.
    Comunque bellissimo post, veramente. Stupenda.

    RispondiElimina
  4. E' vero questo mondo che ci stiamo costruendo ci da protezione proprio grazie ai suoi rituali.
    E' distruttivo e non allo stesso tempo.
    Ci sta rendendo più forti, più determinate.

    Piesse: vorrei essere come te *__*

    RispondiElimina
  5. Ma quanto sei dolce cara Imogen?♥
    Senza il tuo sostegno sarei sotto terra, giuro.
    Anch'io tengo tantissimo a te. Ci conosciamo da poco e nemmeno di persona, ma per me è come se ti conoscessi da una vita. Ti considero una grande amica >.<
    Promesso, ora risalirò, ce la farò. Voglio farcela. E poi ci sei tu lassù e tutte le cose belle della vita (: alla fine la scatola dei biscotti non è mica finita u.u ce ne sono ancora tantissimi buoni, che aspettano solo di essere assaggiati; e questo vale anche per te, forza <3.

    Ti voglio benissimooo >.<
    wua vorrei abbracciarti, per ora posso farlo solo virtualmente, ma vale molto di più di mille abbracci concreti.

    Kiss =*

    RispondiElimina