Pagine

26 apr 2010

E così sia.

Sembra sempre più difficile andare avanti in questo modo. Ogni giorno assomiglia sempre più ad una salita: ed io non amo le salite. I miei, ovviamente continuano a sfracassare le palle (che femminilità >.<), ed io non riesco mai a raggiungere questo maledettissimo peso: 45 kg. Il mio pensiero ormai è fisso sul cibo. Non penso ad altro. Non ci riesco. Questa sorta di "paranoia" non riesce a farmi più ridere di gusto. Non sono capace più di divertirmi, perchè devo riuscire a mantenere il controllo. Oggi per pranzo ho preso: zucchine trifolate, un hamburger e un pacchetto di creckers. Per il pomeriggio mia madre mi ha fatto mangiare 10-11 quadratini di creckers con sopra o Philadelphia o Spuntì. E mentre mangiavo, mentre masticavo e deglutivo, i sensi di colpa erano sempre più forti: mi tartassano la testa, la martellano, come se volessero farsi sentire finché io non mi sento talmente tanto male dentro, che vado a fare una serie di addominali. Ma non li ho fatti. Forse ho perso le speranze. Forse è perchè tanto non vedo neanche uno straccio di risultato.

Il pensiero fisso del cibo, delle calorie ormai fa parte di me: se dovesse andarsene, non saprei che fare della mia vita. Sarò melodrammatica ma è come la coperta di Linus: senza di ciò, non riesco a stare calma, non vivo. Io ho bisogno di sicurezza, e questa la posso solo ottenere se calassi di peso. Ancora un pò. Manca poco. Ma mi hanno fermato a pochi passi dalla meta ed ora mi trovo seduta per terra, ad aspettare che la strada mi venga liberata per continuare questo mio percorso. Dopo un pò, mi annoio anche a leggere sempre le stesse cose che posto. E' noioso. Lo ammetto. Ma questo fa capire ancora di più che io Ho Bisogno di perdere peso. Ci tengo. Tanto.  

Le occhiaie sono sempre più solcate, i polsi sempre più minuti, gli occhi sempre più stanchi, il viso sembra cadaverico. Le cosce, ogni volta che faccio 3 piani di scale per andare in classe, iniziano a bruciare e sono costretta a fermarmi, respirare profondamente e aspettare che il dolore termini per continuare così a camminare. Fortunatamente per me però non sono mai svenuta o cose simili. Tanto ormai non potrebbe succedermi nulla: ho ricominciato a mangiare come una persona normale. Ma io non lo sono. Voglio (non) nutrirmi come voglio io. E così sia.

pS: Ho trovato il coraggio di postare questa orribile foto. Speriamo che nessuna di voi Girls si senti male e mi svenga dalla sedia.   >.<

Zara.

1 commento:

  1. Ma guardati, sei bellissima wua >.< ma, ma, maaaa hai un viso fantastico (altro che le mie cosce, e ti ringrazio per la metafora carinissima **)! Sei troppo bellina sìsìsì. Mi piace troppo il paragone con la coperta di Linus, rispecchia alla grande. E nelle tue parole rispecchio me stessa..moltissimo; ormai le calorie, il mangiare e il peso sono un'ossessione e mi sa che ce la dovremo tenere per tutta la vita. Anche io in questi giorni mangio da persona abbastanza normale (più da bulimica) e se potessi mi aprirei lo stomaco per svuotarmi completamente (detto così fa proprio schifo ahah). Sono felice di averti conosciuta, spero che diventeremo ottime amiche, anche se virtuali :3! Hug <3. Good night hunnie.

    RispondiElimina